Laboratoriosipuo.net
Condividici:
Testo:

Notizie

Turismo accessibile, turismo per tutti: il test-tour europeo

Si svolgerà dal 5 al 19 giugno il test-tour del progetto "Europe Without Barriers", un itinerario che toccherà varie mete turistiche in Italia e in Europa per promuovere l'idea che viaggiare è possibile, e deve essere possibile, in qualunque condizione.

Venerdì 5 giugno quindici viaggiatori tra cui persone con sclerosi multipla, persone con disabilità di vario tipo e livello, architetti, designer, membri dell'European Disability Forum, operatori di settore, blogger ed esperti di turismo sociale sono partiti per valutare il percorso e le strutture-tappa di un itinerario che toccherà varie mete turistiche dell'Italia centrale e del Nord Europa; un itinerario internazionale che coinvolge 5 Paesi europei - Italia, Slovenia, Croazia, Austria e Germania - e include l'intera offerta di servizi turistici: trasporti, alloggi, pasti, escursioni e proposte culturali.

Il viaggio costituisce la fase di sperimentazione e collaudo di nuove metodologie di turismo accessibile prevista da "Europe Without Barriers" (EWB), un progetto europeo che coinvolge AISM e altre cinque organizzazioni provenienti da tutta Europa. Obiettivo del progetto, di cui AISM è capofila, è proprio creare pacchetti turistici accessibili a tutti, nonché fare cultura presso istituzioni, enti e operatori per evidenziare opportunità e potenzialità del settore, ponendosi all'avanguardia nel nostro Paese e in Europa nel campo dell'accessibilità.

Nella progettazione e realizzazione dell'itinerario che sarà testato dal gruppo "pilota" sono state poste al centro - oltre all'accessibilità fisica e relazionale - l'attenzione alla persona e la capacità di soddisfare le diverse esigenze di tutti. Perché il turismo accessibile è, semplicemente, turismo per tutti.

#senzabarriere l'hashtag per seguire gli aggiornamenti durante il viaggio.

Per maggiori informazioni, consultare il sito dell'AISM

Celiachia, arriva il portale per viaggi senza glutine

 

Un nuovo portale di viaggi senza glutine e in totale sicurezza è da oggi a disposizione di tutti coloro che ne hanno necessità grazie a un'iniziativa dell'azienda specializzata Schär e del tour operator Ignas Tour. Il sito permette di prenotare in un batter d'occhio viaggi in tutta Italia al mare, in montagna, nelle città d'arte o alle terme, inserendo le date di soggiorno e i partecipanti. Pratico e veloce, Schär Glutenfree Holidays garantisce per tutte le offerte di viaggio il miglior prezzo ma soprattutto una vacanza senza glutine e senza preoccupazioni.

Il portale è solo l'ultima iniziativa dell'azienda, che sul proprio sito propone tantissime domande e risposte inerenti all'alimentazione senza glutine, programmi nutrizionali, consigli pratici e link. I membri dello Schär Club hanno inoltre accesso a un database contenente oltre 750 ricette senza glutine. Sempre in tema di viaggi, è disponibile anche il sito glutenfreeroads.com, utile per mangiare, viaggiare e fare acquisti senza glutine in tutto il mondo. 

Con oltre 50.000 indirizzi, la piattaforma mette a disposizione la più grande offerta online per quando si è in viaggio, ed è diventato anche una app per smartphone che porta lo stesso nome.

 

di Gabriella Meroni - www.vita.it 

Cesena e Valle del Savio in libertà

L'Unione dei Comuni del Cesenate aderisce al progetto "Cesena e Valle del Savio in libertà" presentato dall'associazione di volontariato Turisan. Un'offerta turistica in grado di accogliere in Romagna le esigenze dei visitatori anziani o con problemi di salute che altrimenti resterebbero a casa
Cesena lavora per rendere sempre più accessibile il turismo. Un turismo alla portata di tutti, pensato soprattutto per anziani, persone affette da deficit motori e soggetti con problemi di salute.
Il progetto "Turisan" vede impegnati i Comuni dell'Unione Valle del Savio con il piano "Cesena e Valle del Savio in libertà". In sostanza si tratta di un'operazione che coinvolge diversi attori del territorio per rendere strutture ricettive, percorsi e ambienti più facili da fruire da parte di anziani e soggetti con problemi motori.


"Turisan" si rivolge innanzitutto alle persone che esprimono criticità funzionali. Oltre 120 milioni di individui, nella sola Europa: diabetici, obesi, cardiopatici e altri soggetti che spesso non lasciano i propri territori di residenza, se non hanno la certezza di ciò che li aspetta nei luoghi di destinazione in termini di strutture ricettive adeguate, alimentazione appropriata alle proprie necessità, cure mediche al bisogno.
Intercettando questa grossa fetta di turisti "speciali", come li definisce il comunicato ufficiale, si possono così predisporre pacchetti turistici predefiniti personalizzabili e flessibili, modificabili da parte del cliente con riferimento alle proprie specifiche esigenze. Così facendo, spiegano i promotori, si creerebbe un nuovo tipo di turismo per la zona del Cesenate, andando a incrementare una fetta di mercato in grande sviluppo e garantire opportunità per gli operatori del settore.

L'offerta riguarda l'ambito sportivo-escursionistico, i percorsi enogastronomici e il settore del benessere e delle terme; tutti settori nei quali il territorio della Valle Savio eccelle anche fuori dai confini regionali. I punti qualificanti del modello sono quindi lacostruzione di una rete di strutture sanitarie-assistenziali a supporto dei bisogni particolari espressi dai turisti e la definizione dei percorsi di accesso alle cure; oltre alla definizione di modalità per la partecipazione da parte delle strutture turistiche alla rete delle "buone pratiche di accoglienza" e la promozione dell'integrazione operativa e della coesione territoriale fra i comparti sanità e turismo per la presa in carico "globale" delle problematiche di questi turisti.

"Abbiamo la fortuna di vivere in una zona che offre bellezze che molti ci invidiano, dalla natura, passando per la cultura, lo sport e la buona cucina. Ci sembra dunque giusto e intelligente mettere a disposizione questo patrimonio anche a persone con problemi di salute che intendono visitare le nostre colline e le nostre città. Non si tratta solo di promozione del territorio, ma crediamo che con il progetto Turisan potremo andare a rispondere alle esigenze di una grossa fetta di turisti, mostrando loro sensibilità e rispetto" spiegano gli amministratori dell'Unione dei Comuni Valle del Savio, Paolo Lucchi (Cesena), Monica Rossi (Mercato Saraceno), Marco Baccini (Bagno di Romagna), Luigino Mengaccini (Sarsina), Guido Guidi (Verghereto) e Fabio Molari (Montiano).

L'Unione dei Comuni ha così approvato un atto di indirizzo per aderire al progetto "Cesena e Valle del Savio in libertà" presentato dall'associazione di volontariato Turisan, impegnandosi a promuovere la rimozione delle barriere che rendono difficile la permanenza di persone in precarie condizioni di salute, in luoghi di villeggiatura fornendo così reti di servizi che consentano adeguate forme di informazione, accoglienza e continuità delle cure.

 

(Fonte: http://marketingdelterritorio.info/ - 26 febbraio 2015)

Turismo accessibile, V4A lancia il corso dedicato agli adv

 

Arriva il corso dedicato alle agenzie di viaggio che vogliono specializzarsi nel turismo accessibile, che da solo riguarda 140 milioni di persone in Europa e 12 milioni in Italia e che si stima possa incrementare i fatturati turistici fino al 20%. L’idea è di V4A, presente sul mercato fin dal 2008 con il primo Marchio di Qualità Internazionale Ospitalità Accessibile, che ha realizzato il primo programma di servizi dedicato alle agenzie di viaggio che vogliono rispondere alle richieste di questo settore.

V4A ha così deciso di inaugurare la Hospitality 4 All Academy con la creazione della prima Community V4A dedicata alle Agenzie di Viaggio. L’appuntamento è per il 13 e 14 aprile a Ferrara, nella sede di V4A , in via Giuseppe Saragat, 9. Docenti del corso saranno Roberto Vitali che con un’esperienza di 25 anni nel turismo accessibile, è stato consulente di Viaggi del Ventaglio, Best Tour oltre che fondatore di V4A; e Silvia Bonoli, da 12 anni nel turismo accessibile, fondatore di V4A, di cui è direttore operativo.

Il prezzo per partecipare alla due giorni è di 230 euro e include i due pranzi per le giornate di formazione presso il Ristorante Pacifico nei pressi della sede dell'Academy: la possibilità di utilizzare il Marchio V4A fino a dicembre 2015 come adv ed usufruire della assistenza dell'ufficio Viaggi di V4A; la presenza sul portale V4A.it nella nuova sezione dedicata alle Agenzie Viaggi fino a dicembre 2015; accesso alla piattaforma di Community della Academy V4A con aggiornamenti costanti e contenuti aggiornati sui temi del corso; attestato di partecipazione.

Inoltre, grazie a una convenzione con l'Hotel Carlton di Ferrara, i partecipanti al corso potranno usufruire di tariffe speciali per il pernottamento.

Turismo, presentata la nuova carta escursionistica Valli del Cedra e del Parma

Turismo, presentata la nuova carta escursionistica Valli del Cedra e del Parma

E’ stata presentata in Provincia la nuova carta escursionistica Le valli del Cedra e del Parma, realizzata dalla Provincia di Parma, in collaborazione con il Parco Nazionale dell’Appennino Tosco-Emiliano, i Parchi del Ducato, il Parco dei cento Laghi, l’Unione Montana Appennino Parma Est.

La carta è stata finanziata con fondi del Psr - Piano di sviluppo rurale 2007 – 2013 e da SOPRIP, nell’ambito di un progetto di qualificazione dell’offerta turistica delle stazioni di Prato Spilla, Lagdei - Lago Santo, Lagoni e Schia-Monte Caio. Obiettivo: valorizzare e incentivare le attività agrituristiche, l’ospitalità rurale e le produzioni eno-gastronomiche nell’area del Parco Nazionale Appennino Tosco-Emiliano.

Riporta 66 sentieri escursionistici pedonali, tra i quali l’Alta Via dei Parchi  e parte della Via Francigena, e offre utili informazioni sui Parchi e sulle stazioni turistiche dell’area, oltre a un elenco delle emergenze antropico-ambientali del territorio, norme di comportamento e avvertenze per gli escursionisti e informazioni sul turismo accessibile.  

E’ possibile trovare la nuova carta escursionistica al Parma Point di via Garibaldi e allo IAT di Piazza Garibaldi a Parma, allo IAT in Strada Castello Torrechiara, nelle stazioni di Lagdei e Pratospilla. 

“Unire l’aspetto ambientale e lo sviluppo del territorio significa fare buona promozione – ha affermato Giampaolo Cantoni, Consigliere provinciale Delegato ai Parchi - La carta è uno strumento indispensabile di conoscenza: vallate incontaminate, vedute panoramiche di straordinaria bellezza che si possono gustare meglio se si è accompagnati da una buona carta turistica”. 

“Il sistema dei Parchi è impegnato nella promo commercializzazione, si stanno rinnovando le gestioni con giovani che creano cooperative e lavorano sulla promozione integrata - ha spiegato Agostino Maggiali Presidente Ente Gestione Parchi e Biodiversità Emilia Occidentale - Siamo impegnati anche in vista dell'Expo, per dare vita a sinergie importanti”. 
 
“Il primo obiettivo è la qualità: ed è ciò che hanno in mente tutti gli interlocutori che lavorano per la promozione del territorio - ha sottolineato Claudio Moretti Consigliere provinciale Delegato all’Agricoltura - Qualche anno fa chi si occupava di agricoltura avrebbe avuto poco da dire alla presentazione di una carta escursionista, ma oggi sono cambiati gli equilibri e il nostro patrimonio va salvaguardato e potenziato sotto tutti i punti di vista”. 

“Anche la realizzazione di una carta escursionistica è vitale per l’economia della montagna: questi luoghi vanno tutelati, ma anche spiegati, soprattutto ai giovani - ha ricordato Matteo Cattani vicesindaco di Corniglio - Questi strumenti indicano che in Appennino ci si può vivere e che l’economia di questa zona può essere sviluppata in termini innovativi”.  

“E’ molto importante l'aggiornamento dei dati per garantire la fruibilità turistica: solo così si aprono le porte al turista e all'escursionista - ha affermato Fabrizio Russo Presidente CAI sezione di Parma, associazione da sempre impegnata nella cartografia e nella sentieristica.



Potrebbe interessarti:http://www.parmatoday.it/cronaca/carta-escursionistica-valli-cedra-parma.html
Seguici su Facebook:http://www.facebook.com/ParmaToday

 

Ancona: "Il Museo di tutti per tutti", il corso di formazione per operatori museali

 

ANCONA. I musei della regione come spazi aperti, accessibili, luoghi di incontro, formazione e divertimento: questo il fine del corso di formazione per operatori museali e per chi si occupa di beni culturali e didattica museale che si è svolto, ad Ancona, nell'Aula Magna del Liceo Rinaldini. E' il primo modulo di un più ampio progetto destinato a promuovere la realizzazione di interventi per il potenziamento della fruizione degli istituti culturali del territorio regionale.

"Con questo progetto - afferma l'assessore alla Cultura, Pietro Marcolini - si è inteso coinvolgere nella sua totalità il sistema dei musei del territorio, nel tentativo di raccordare fra loro quelli delle piccole e delle grandi aree urbane, le reti e i sistemi museali, in una logica di cooperazione che trovasse il proprio punto di forza proprio negli interventi di 'accessibilità fruitiva'. Tutto questo grazie anche alla fattiva collaborazione dei Sistemi Museali Provinciali di Ancona e Macerata, dei Comuni di Ascoli Piceno, Fermo, Macerata e Pesaro e del Museo Tattile Statale Omero, un'eccellenza riconosciuta a livello internazionale".

"Ad oggi - continua Marcolini - i risultati sono soddisfacenti: sia a livello urbano con il rafforzamento delle sinergie fra vari istituti e luoghi della cultura, che a livello territoriale sostenendo, in una logica di rete, lo sviluppo di un sistema complessivo delle strutture museali in favore dell'accessibilità con interventi specifici da attuare in ben 31 musei. L'incontro di oggi è anche coerente con le finalità del progetto Culturasmart! che prevede, tra l'altro, la fornitura di servizi multimediali agli istituti culturali (che ne sono privi o che sono ubicati nelle aree più decentrate), tra cui il mediaccess, ovvero servizi speciali per migliorare l'accesso ai prodotti culturali per tutti, al fine di rendere i luoghi della cultura centri di aggregazione culturale e di formazione. Le attività di queste giornate verranno infatti riprese e poi pubblicate per renderle fruibili ad un vasto pubblico"

"Questo corso di formazione - precisa Aldo Grassini, Presidente del Museo Tattile Statale Omero - è rivolto agli operatori museali e a tutti coloro che si occupano di beni culturali e didattica museale, intende fornire alcune conoscenze di base al fine di favorire l'accessibilità ai beni ed ai luoghi della cultura ad un pubblico sempre più ampio di utenti e nel pieno rispetto delle loro diverse esigenze".

Nel corso dell'appuntamento, sono stati illustrati gli ausili, le modalità e le tecnologie, per consentire di allargare le funzioni educative del museo a tutti, proponendo soluzioni valide anche grazie al contributo di quanti hanno messo in atto buone prassi e sperimentazioni innovative in materia di disabilità motoria, sensoriale e di fruizione museale. Il corso di formazione, gratuito, della durata di 16 ore, è stato organizzato dalla Regione Marche assessorato alla Cultura, in collaborazione con il personale qualificato del Museo Tattile Statale Omero di Ancona, che si avvale dell'esperienza e delle competenze della Lega del Filo d'Oro e dell'Ente Nazionale Sordi.

Dopo il primo modulo rivolto agli oltre 180 partecipanti, il secondo, considerato l'alto numero di adesioni, si terrà in tre diverse sessioni (lunedì 2, 9 e 16 marzo) nella sede del Museo Omero, nei locali della Mole Vanvitelliana. Ad aprile si terrà il terzo incontro dedicato ai trentuno musei coinvolti nel progetto per approfondire la conoscenza degli strumenti e tecnologie che avranno a disposizione.

Info: www.Musei.marche.it

 

Cultura e Turismo: una due giorni a Chieti

 

 

Venerdì 6 e sabato 7 febbraio 2015  presso l’Auditorium del Museo dell’Università ”G. d’Annunzio” a Chieti si terrà l’evento  ”Cultura e Turismo: Accessibilità, Comunicazione e Orientamento”, organizzato dalla  onlus Diritti Diretti e finalizzato a  dimostrare come la Cultura e il Turismo per tutti siano un volano per lo sviluppo socio-economico del Paese. Gli incontri  si propongono di illustrare gli strumenti necessari a realizzare ambienti che facciano sentire i visitatori comodi, sicuri e accolti.

 

«Secondo i dati rilasciati dalla Direzione Generale Impresa e Industria della Commissione Europea, nel 2012 il mercato del turismo accessibile valeva già 800 miliardi di euro (considerando anche l’indotto) e occupava oltre 9 milioni di persone. Si tratta di un mercato che offre un ritorno sull’investimento in circa un anno, mentre gli operatori in ambito turistico-culturale che non se ne occupano perdono 420 miliardi di euro», afferma Simona Petaccia, giornalista e presidente della onlus Diritti Diretti.

L’evento è suddiviso in due incontri:

* Venerdì 6 febbraio 2015 (16:00 – 20:00) – Tavola rotonda sul tema ‘Filiera Accessibilità: Cultura, Turismo, Economia’ per progettare lo sviluppo di territori che permettono a tutti di: ARRIVARE (Sistema dei trasporti); DORMIRE (Alberghi, B&B ecc.); MANGIARE (Ristoranti, pizzerie ecc.); SCOPRIRE (beni culturali, tradizioni, eccellenze territoriali ecc.); DIVERTIRSI (attività sportive, ludico-ricreative ecc.); FARE SHOPPING (supermercati, negozi di prodotti tipici outlet ecc.); AVERE SOSTEGNO (ospedali, centri dialisi, ambulatori, aziende orto-sanitarie ecc.).

* Sabato 7 febbraio 2015 (09:30 – 13:30) – Incontro formativo sul tema ‘Accessibilità e fruizione del patrimonio culturale’, per illustrare l’importanza di applicare i principi della progettazione inclusiva in spazi museali, parchi archeologici e naturalistici ispirandosi alle ‘Linee Guida per il superamento delle barriere architettoniche nei luoghi d’interesse culturale’ del Ministero per i Beni e le Attività culturali.

Tra gli altri, oltre a Simona Petaccia, gli incontri prevedono la partecipazione dei seguenti professionisti del settore: DINO ANGELACCIO – Direttore Laboratorio Accessibilità Universale dell’Università degli Studi di Siena; GABRIELLA CETORELLI SCHIVO – Responsabile dei progetti speciali e del turismo accessibile presso il MiBACT (Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo); FABIO IEMMI – Artista, esperto in progetti di sviluppo culturale e accessibilità a livello internazionale.

 

Turismo accessibile, arriva "ToTo4All", mappa interattiva del centro di Torino

 

TORINO. Una semplice app per cellulare che promette di rivoluzionare il turismo accessibile nella città di Torino. Si chiama "ToTo4All", sigla che sta per "Torino tour for all", ed è una mappa interattiva compatibile con dispositivi apple e android e scaricabile gratuitamente da Itunes e Google play. A realizzarla, per conto della fondazione Crt, è stato un team di sviluppatori che ha individuato 30 punti di interesse nel centro storico di Torino, disegnando così un itinerario percorribile in circa tre ore e mezzo. Lungo il quale, "oltre a monumenti e siti archeologici, - spiega la responsabile Anna Follo - è possibile visitare luoghi come botteghe o caffè storici, che sono tipici di questa città e possono essere fruiti anche attraverso l'udito o l'olfatto, offrendo dunque un'esperienza sensoriale a tutto tondo".

Il funzionamento dell'applicazione è quanto di più intuitivo: dalla schermata principale è possibile scegliere tra quattro sotto-menù, dedicati a non vedenti, ipovedenti, non udenti e disabili motori. Fatto questo, si potrà a selezionare uno dei tre itinerari disponibili, che si sviluppano nelle zone di piazza San Carlo, via Po' o del Quadrilatero romano. In base al tipo di disabilità selezionata, l'applicazione offrirà indicazioni su misura per ognuno dei percorsi, con una dettagliata descrizione di chiese, strade piazze, edifici ed esercizi commerciali storici.

A fare la differenza rispetto ad altre applicazioni già in circolazione è, secondo Follo, "la completa integrazione tra varie forme di disabilità". "Oltre a essere totalmente privo di barriere architettoniche - continua - ognuno dei punti d'interesse mappati è dettagliatamente descritto attraverso un sintetizzatore vocale e un sistema di sottotitolazione Lis, entrambe presenti nell'applicazione accanto alla descrizione testuale". L'itinerario, inoltre, è suddiviso in tre micro percorsi da circa un'ora ciascuno, "in modo da permettere anche alle persone più anziane di visitarlo senza affaticarsi eccessivamente".

Realizzata con la collaborazione dell'Istituto italiano per il Turismo per tutti, la Consulta per le persone in difficoltà e l'Ufficio per il turismo di Torino e provincia, "ToTo4all" è parte della Lega delle città storiche accessibili, un progetto internazionale che ha l'obiettivo di promuovere l'accessibilità nei centri storici delle città europee. Al progetto, oltre a Crt, aderiscono dieci fondazione che hanno realizzato progetti a Torino, Avila (Spagna), Mulhouse (Francia), Viborg (Danimarca), Sozopol (Bulgaria) e Lucca.

 

(Fonte: Redattore Sociale, 3 marzo 2015)

MOVE! Salone Professionale del Turismo e dell'Ospitalità Universale

 

Nasce a Vicenza, dall’esperienza di GITANDO e GITANDO.ALL, il nuovo Salone Professionale del Turismo e dell’Ospitalità Universale, in scena da Venerdì 13 a Domenica 15 Marzo 2015 in Fiera di Vicenza.

MOVE! rappresenta l’unico appuntamento di riferimento in Europa finalizzato a supportare la promozione e la cultura del turismo responsabile, sostenibile e universalmente accessibile.
Nel panorama internazionale MOVE! offre quindi l’opportunità di presentare agli operatori di settore e al pubblico interessato le nuove idee e soluzioni pratiche a disposizione per fornire un’esperienza turistica articolata e destinata indistintamente a tutti coloro che amano viaggiare.

L’Universal Design sarà il filo conduttore di tutti i percorsi: nell’ambito di ciascuna area tematica gli espositori avranno la possibilità di mostrare le loro proposte secondo i principi di tale Progettazione Universale, riproducendo ambientazioni quali la spiaggia attrezzata, la piscina, la camera dì’albergo o l’area bagno.


MOVE! svilupperà durante i tre giorni di manifestazione, un ricco programma Convegnistico volto ad approfondire i molteplici aspetti del Turismo Accessibile con il coinvolgimento di Accreditati Relatori italiani e stranieri.